Villa Comunale Benevento aerea

La villa comunale anni ’30

LA VILLA COMUNALE ANNI ’30

Poesia di Rino De Rienzo

Il laghetto dai pesciolini rossi
l’allegro zampillare della fontanella
su cui bocche assetate di bambini
si chinavano rapide
per un sorso di ristoro
alle calure estive.

A frotte, allegramente,
s’assiepavano fanciulli e fanciulline
tenendo sul petto una manina
a proteggere nastri e colletti
dei loro grembiulini variopinti.

Poi, rapida, la fuga precipite
pei vialetti fatati, dalla fine ghiaia,
su cui una volta caddi
sbucciandomi un ginocchio.
Dolce lo scricchiolìo amico
della ghiaietta sui romantici sentieri
tra il segreto di siepi ed alti fusti
complici di mille innamorati
di tra le verdi ombre dove forse
ancora saltellava Pan l’eterno
col suo zufolo di canna agreste;
di spasimi e sospiri per la più bella
tra le antiche amiche
irridenti
alle preci d’uno spasimante;
una lontana eco
vibra
come inutile speranza di salvezza
per l’avito regno dei giuochi
dell’infanzia
e di quelli d’amore
al chiar di luna
che svapora nel cielo vespertino
mentre ancor s’indugiava
a lanciar briciole al cigno nero
nel laghetto grande
fitto di papere chiassose
e pesci rari.

Più su,
lontano,
nella gabbia in ferro,
l’aquila fiera
dallo sguardo acuto
ammirata
in quei tempi del ricordo
mentre l’austero guardiano
dai baffi “rubacuori”
suonava il corno ammonitore
al tramonto del sole
per far posto agli elfi
e ai folletti della notte.

de Rienzo

Pubblicata da Rino de Rienzo nel gruppo il 7 settembre 2014

Guarda altre immagini della Villa Comunale

Info su Diritti d’autore

Comments

comments

Un pensiero su “La villa comunale anni ’30”

Lascia un commento